Archive for gennaio 2009

Future Film Festival 2009!

gennaio 26, 2009

Salve a tutti, sono di nuovo in Italia per qualche giorno grazie al mio munifico manager che quest’anno mi ha permesso di partecipare al Future Film Festival 2009 (l’anno scorso l’ho mancato, se vi ricordate…).

Per chi non sapesse cos’è, il FFF è un festival cinematografico dedicato al cinema d’animazione e/o con effetti digitali. Lo frequento da anni e quest’anno sono riuscito a tornare apposta dalla simpatica e spiritosa Norvegia per godermi svariate ore di cinema. Maggiori informazioni le potete trovare sul sito ufficiale, www.futurefilmfestival.org.

La kermesse comincia di fatto oggi seguendo un cerimoniale ormai consolidato, ovvero la consegna degli accrediti. Non ho ancora guardato bene il programma, ma temo che ci sarà molto da camminare dato che i cinema non sono proprio vicinissimi l’uno all’altro (confido nell’esistenza delle navette).

Scappo a studiare il programma, devo ottimizzare cosa vedere, ci si legge tra pochi giorni.

Saluti di oggi al Governatore Marley che si disturba troppo.

Annunci

La mutua norvegese

gennaio 10, 2009

Sono tornato da neanche una settimana e già mi sono ammalato. Mercoledi ho passato la notte in bianco, tremando come una foglia. Alle cinque del mattino (si fa per dire, alle 5 è buio totale) ho scritto al mio capo dicendo che non ero assolutamente in condizione di andare al lavoro e ho cominciato a ponderare sul da farsi.

La situazione non sembrava particolarmente rosea, qualche linea di febbre, una notte in bianco e un mal di gola mostruoso. Pensando già al peggio, ovvero passare alcuni giorni a casa con 39 di febbre da solo, mi sono informato su come funzionano i certificati di malattia in norvegia.

Ogni lavoratore (quindi pressochè chiunque) viene assegnato a un medico dalla NAV, il già citato ente onnisciente del lavoro. L’utilizzo di questo medico è del tutto gratuito ed è questa persona che ti emette il certificato di malattia, una sorta di cedola che resta metà al lavoratore e metà va all’ufficio di contabilità dell’azienda per la quale lavori. Il certificato può essere ottenuto anche andando al Pronto Soccorso di un qualsiasi ospedale, ma non pensavo di essere COSI’ grave.

Il sistema funziona molto bene, non ha ticket nè nulla, tuttavia c’è un piccolo problemino che per chi vive da solo può essere un impedimento non da ridere. Il medico della mutua NON si muove dal suo ambulatorio, se non in casi gravissimi (“Dottore, ho la FEBBRA!”). Hai 39 di febbre, non puoi andare a lavorare e hai già passato 3 giorni a casa (il massimo consentito)? Caro mio, esci e vai dal tuo bravo medico che non avrà problemi a emetterti il certificato, sempre se ci arrivi vivo.

E’ sempre lui, il principio della buona volontà: il diritto al medico ce l’hai, ma se ne hai bisogno ci devi andare tu.

Saluti di oggi a Cathrine che è stata solertissima a fornirmi le informazioni necessarie.

Salve caro cliente, si è sbagliato?

gennaio 7, 2009

Questa è una storia che rafforza gli stereotipi sui livelli di servizio della norvegia. Ecco l’antefatto.

Quando ho richiesto le ferie estive di agosto, ovvero a giugno, mi sono reso conto che non potevo girare chissà dove con soltanto un bancomat norvegese. Mi sono quindi recato alla mia amichevole banca, la DNBNor (è la più grande della norvegia), felice del fatto che tutti i servizi sono garantiti anche in inglese. DNBNor non è la banca migliore di tutte in termini di convenienza economica, tuttavia è l’unica che offre servizi completi anche in inglese, il che per uno straniero tutto sommato è comodo. Le differenze economiche tra l’altro ammontano a cifre ridicole per la quantità di capitale che ho qui in Norvegia, quindi non sono stato particolarmente schizzinoso.

Recatomi presso la filiale locale della banca e memore dei circa 40 giorni per ottenere una VISA necessari in Italia, sono andato a richiedere una carta di credito. Mortificata, l’impiegata di turno mi dice che non mi può emettere una MasterCard ma che mi devo accontentare di una VISA con un tetto mensile sostanzioso. Mi ricordo ancora che me lo ha detto come se fosse una cosa bruttissima, era davvero desolata. Io alla MasterCard non ci stavo neanche pensando e sono perfettamente contento di possedere una VISA quindi accetto con grazia.

“Quando posso aspettarmi di ricevere la carta?”

“Lei quando deve partire?”

“Il primo agosto.”

“Ah si, bè dunque… diciamo martedi prossimo dovrebbe averla” (ora corrente: venerdi, 12.00, ero in pausa pranzo)

Sono uscito sghignazzando per la solerzia, ed effettivamente lunedi mi è arrivata la prima lettera con il PIN e martedi c’era la carta di credito nella cassetta delle lettere. Wow, che servizio!

Questo l’antefatto. Veniamo al dunque. Qualche giorno fa mi è arrivato il consuntivo di fine anno della banca. Nelle varie voci ho notato due addebiti della VISA. Mi è venuto quindi un orrendo dubbio. Non è che per caso sto pagando per la carta bancomat e per la carta di credito che funge ANCHE da bancomat?

Stiamo parlando ovviamente di canoni bassissimi, qualcosa come 100 NOK l’anno, però pagare per una cosa che non uso mi infastidisce, quindi mi sono recato alla banca oggi, chiedendo se per caso sto effettivamente pagando per tutte e due le carte.

Una solerte impiegata con una buffa camicetta con DNBNor ricamato dappertutto mi informa che effettivamente sto pagando per entrambi i servizi. Le spiego quindi che io a giugno ho chiesto una carta di credito e che da allora uso solo quella, dato che funziona anche da carta di debito.

Qui avviene qualche cosa che veramente non mi aspettavo. Invece di ridermi in faccia e sostanzialmente invitarmi a stare più attento ai miei soldi e a cosa faccio col mio conto, la cortese impiegata è andata a informarsi che effettivamente pagassi due volte lo stesso servizio. Accertato questo mi ha detto senza alcun problema che avrebbe proceduto ad annullare la carta immediatamente e a rimborsarmi del canone ingiustamente versato.

Dopo circa cinque minuti sono uscito con la ricevuta in tasca che testimonia il versamento a mio favore e dopo qualche ora ho ricevuto l’email di conferma per l’avvenuto versamento.

Commento tutto questo con una sola parola: Parmalat? 😀

Chiudo il post di oggi rispettando una promessa fatta a Ido.

Highlight politico delle vacanze di dicembre: Clemerdo Merdella che piange perchè è stato messo in croce mentre il figlio di Di Pietro no. Il fatto che lui rappresenti l’italia più clientelare, bigotta, ignorante, cafona, opportunista e scansafatiche è una differenza che evidentemente non ha considerato. Vai così Clemerdo, facci sognare :D.

Buon anno!

gennaio 5, 2009

Eccomi di nuovo qui, pronto a scrivere nuove stupidaggini per tutto il 2009! Come di consueto non aggiorno granchè il blog quando sono in vacanza, ho dato solo una occhiata a eventuali commenti.

Sono state delle vacanze luuuunghissime, dal 5 dicembre al 4 gennaio, la mia munifica megaditta mi ha notificato che o le ferie non godute le prendevo ora, oppure le perdevo. Ne ho ovviamente approfittato, non stavo facendo granchè a fine novembre.

Non mi va di raccontare tutto quello che ho fatto, mi limito al solo highlight di capodanno, passato a Berlino alla Porta di Brandeburgo. I fuochi artificiali hanno illuminato la zona praticamente a giorno, perfetta conclusione dopo una cena in un coloratissimo e animato ristorante orientale dell’Europa Center al Ku’damm. Una bella serata.

Posto dall’ufficio quindi scrivo solo brevemente, alcune notiziole sulla Oslo profondamente invernale però ve le do. Il sole sorge intorno alle 10 in questo periodo e ci saluta verso le 15. Di conseguenza l’escursione termica media è piccolissima, di giorno quindi siamo sui -8, di notte sui -10. Qui nella parte ovest di Oslo il clima è molto secco perciò non è un gran problema, vi assicuro che pochi giorni fa in Baviera con -8° si moriva :D.

Saluti di oggi a casa, agli amici che ho salutato, a quelli che non ho salutato, a Claudia che è stata carinissima a chiamarmi, alla Figarella Racing per il NYE2008 Tour (powered by Lancia) e a tutti i lettori del blog che non mi conoscono personalmente. Non pensavo che ci fosse qualcun altro a cui interessasse questa roba :D.